Diamo voce a un comunicato stampa di ANACI. Trattasi di interpretazioni in materia di contabilizzazione del calore approvate da ANACI, Ingegneri, Periti, Associazioni di termotecnici e di Studiosi a livello nazionale, nel merito della attuazione del D.Lgs 14.07.2020 n. 73 in attuazione della direttiva UE 2018/2002 che modifica la direttiva 2012/27/UE sull'efficienza energetica.

E' stato redatto un documento già messo a disposizione, da parte della Associazione Provinciale, ai propri iscritti.

Questo il testo del comunicato:

Cari Colleghi iscritti all'ANACI
AiCARR, ANACI, ANTA, CNI e CNPI hanno firmato un documento condiviso sul tema della contabilizzazione del calore e la ripartizione delle spese nei condomini relative ai servizi di riscaldamento e alla produzione di acqua calda sanitaria alla luce delle modifiche introdotte dal Dlgs 73/2020.
Il titolo del documento è il seguente: "Considerazioni sull'attuazione del D.L.gs 14 luglio 2020, n. 73. Attuazione della direttiva (UE) 2018/2002 che modifica la direttiva 2012/27/UE sull'efficienza energetica" e prenderà in considerazione i punti di maggiore interesse, tra i quali, i criteri di ripartizione delle spese, le modalità di lettura da remoto, le informazioni sulla fatturazione, i costi di fatturazione e la fattibilità economica.
E' importante ricordare che "il principio ispiratore e la finalità del decreto è quello di contribuire <all'attuazione del principio europeo che pone l'efficienza energetica "al primo posto”>.
Senza questa centralità è possibile interpretare in modo del tutto fuorviante alcuni precetti legislativi.
Le profonde modifiche al D.Lgs 102/2014 e s.m.i. apportate a luglio 2020 dal D.Lgs 73, se non opportunamente valutate, potrebbero comportare confusione nell'applicazione della Direttiva (UE) 2018/2002 o ancor peggio interpretazioni erronee sia da parte degli utilizzatori che degli addetti ai lavori. In allegato anche il Comunicato Stampa congiunto che sarà pubblicato.

La Segreteria Nazionale ANACI

 

ALLEGATI: