Nuove frontiere nei servizi di mobilità collettiva per il condominio: questo l’argomento della conferenza che si terrà, in modalità live-streaming, mercoledì 11 novembre 2020 dalle ore 9.00 alle ore 13.30 all’interno della quarta edizione dell’e-mobility festival di Milano, e alla quale parteciperà anche una delegazione di ANACI.
Il cambiamento auspicato dalle politiche energetiche del Governo passa, inevitabilmente, anche attraverso la sensibilizzazione dell’opinione pubblica: ecco allora che l’Amministratore di Condominio scende in campo per giocare un ruolo in prima linea, essendo il trait d’union tra Pubbliche Amministrazioni, aziende e cittadini.
L’amministratore, infatti, è il primo interlocutore a cui i condomini si rivolgono per avere informazioni sull’eventuale installazione di sistemi di ricarica elettrica; spetta a lui il compito di dare risposte concrete e precise, contribuendo alla diffusione di pratiche virtuose per una nuova cultura del vivere insieme, nel rispetto dell’ambiente e a tutela della salute delle persone.
L’evento si aprirà con i saluti dell’Onorevole Matteo Mauri – Viceministro dell’interno, Fabrizio Sala – Vicepresidente Regione Lombardia, Renato Greca - Presidente Regionale ANACI e Leonardo Caruso - Presidente Provinciale ANACI.
La parola passerà, poi, ad Andrea Finizio – Segretario Nazionale ANACI che introdurrà i lavori per proseguire con la relazione di Francesco Burrelli – Presidente Nazionale ANACI dal titolo “Il condominio protagonista della e-mobility. Normativa e regole per l’installazione di sistemi di ricarica in ambito condominiale”.
Seguiranno gli interventi di Stefano Saglia – Componente del Collegio ARERA, Francesco Naso –Ingegnere Motus-E, Mino Crivellaro – ingenerare progettista esperto in sistemi di ricarica, Emidio Capretta – ingegnere esperto in gestione dell’energia e Roberto Di Stefano – responsabile e-Mobility FCA Regione EMEA.
La mobilità elettrica è argomento di grande interesse per tutte le Amministrazioni Comunali, impegnate in numerose iniziative volte a promuoverla come strumento per rendere più sostenibile il comparto dei trasporti.
I Comuni di Milano, Torino, Bologna, Firenze e Varese sono i promotori della “Carta metropolitana per la mobilità elettrica”, uno strumento strategico per l’attuazione di politiche di mobilità sostenibile condivise da più di 140 Comuni italiani. L’obiettivo è far crescere un sistema di servizi di micromobilità attraverso la collaborazione tra Pubbliche Amministrazioni e aziende fornitrici di servizi di ricarica e di mobilità
 

 

ALLEGATI: