Un impianto di ventilazione meccanica controllata, anche detto VMC, permette di ricambiare l'aria degli ambienti chiusi per una migliore salubrità. Installare impianti di questo genere, dà la possibilità di migliorare le condizioni di vita degli ambienti residenziali, condominiali e non. Ecco come funzionano tali sistemi e quali sono i loro vantaggi.

 

L'impianto di ventilazione meccanica controllata, detto VMC, serve a offrire un ricambio d'aria corretto, soprattutto negli ambienti chiusi. Si tratta di una strategia fondamentale per riuscire a mettere in campo un livello di salubrità dell'aria in modo ottimale. È ideale per offrire una buona qualità di un ambiente indoor e, inoltre, aiuta non solo nei contesti di lavoro, ma anche in quelli domestici. Infatti, a casa, anche senza rendersene conto, le persone entrano in contatto con vari tipi di inquinanti di origine chimica, fisica e biologica. Per eliminare quindi, tali elementi e cercare anche di mantenere il livello di umidità sotto controllo, il sistema VMC rappresenta una vera svolta per un edificio.

  1. Ventilazione meccanica controllata, cos'è

La ventilazione meccanica controllata è un sistema che, grazie a un ventilatore, garantisce l'immissione in uno spazio chiuso di aria fresca. L'aria viene presa dall'esterno, filtrata adeguatamente, riportata all'interno per garantire le corrette condizioni igieniche dell'ambiente e offrire un ritrovato grado di benessere.

  1. A cosa serve la ventilazione meccanica controllata

La ventilazione meccanica controllata riesce a garantire aria sana in tutta la casa e negli spazi condominiali o lavorativi. Infatti, restando per molto tempo in un locale, l'aria finisce per essere contaminata da una serie di agenti chimici, biologici e fisici: si corre il rischio di andare incontro a dei problemi di salute. Invece, questo meccanismo assicura una corretta ventilazione in modo tale che vengano eliminati tutti i rischi per la salute degli occupanti, come malattie respiratorie, allergie e anche agenti contaminanti che derivano dal modo in cui è stata costruita la struttura, nonché dalla presenza di vernici o da determinati tipi di mobilio. La funzione della ventilazione meccanica controllata è di immettere in un ambiente aria pulita, fresca e filtrata, proveniente dall'esterno per rendere lo spazio indoor respirabile e salubre. Installando un sistema VMC, inoltre, aumenta la classe energetica dell'edificio grazie al recupero di calore e aria all'interno della struttura.

  1. Ventilazione meccanica controllata: come aiuta a risparmiare energia

Il sistema di ventilazione meccanica controllata aiuta a risparmiare energia grazie al modo in cui funziona la macchina. Infatti, l'aria interna della casa viene tirata fuori all'esterno, si raccoglie l'aria pulita e si rimette nell'ambiente. Si parla in questo caso di un impianto a doppio flusso.

L'aria calda viene anche preriscaldata prima di tornare nello spazio al chiuso: questa procedura aiuta a recuperare energia e a ridurre anche le differenze di temperatura in un ambiente. La depurazione poi, dà quel valore aggiunto perché vi garantirà aria depurata e filtrata da eventuali allergeni e agenti inquinanti.

  1. Quanto costa un impianto di ventilazione meccanica controllata

Un impianto di ventilazione meccanica controllata può avere costi diversi a seconda di quello che è il tipo di impianto da installare. In genere, per l'installazione di un impianto condominiale, il costo può anche superare i 10 mila euro; questo vale, soprattutto, se l'impianto va anche a integrare un sistema di sensori e di deumidificazione ma gli incentivi fiscali non mancano. L'installazione di questi tipi di impianti darà un valore aggiunto a tutto l’edificio; per questo è assolutamente da prendere in considerazione per migliorare la qualità dell'aria negli ambienti chiusi.

  1. Quanta energia consuma un impianto VMC

Un impianto di ventilazione meccanica controllata ha dei consumi molto bassi che, in realtà, dipendono da quelle che sono le caratteristiche dell'edificio, dal dimensionamento dell'impianto e dal volume degli ambienti che servono. In linea generale, l'opzione migliore sarebbe quella di scegliere un impianto centralizzato che tenga sotto controllo tutti gli eventuali consumi.

  1. I benefici dell’impianto di ventilazione meccanica

Gli impianti di ventilazione meccanica, al di là del costo che comunque viene ammortizzato dagli investimenti statali e regionali in Lombardia, sono amici dell'ambiente e allo stesso tempo aiutano a rendere l'aria più pulita. Tra i miglioramenti di questo tipo particolare di impianto vi è quello di garantire una riduzione drastica dell'inquinamento domestico. Inoltre, riescono anche a garantire un risparmio energetico notevole grazie al recupero di calore, attraverso lo scambio di energia termica tra l'aria calda che esce e quella fredda che invece, rientra e contestualmente viene riscaldata. Questa è forse la sua funzione più importante rispetto a quella invece, della ventilazione manuale, che rende impossibile questo doppio flusso. In più, una delle caratteristiche di questo impianto è il fatto che è in grado di eliminare condensa, muffa e di conseguenza elimina il problema di eventuali malattie fastidiose a esse connesse. Tra gli altri vantaggi, aumenterà il valore della casa e dell'intero condominio. Non bisogna sottovalutare l'importanza di garantire la qualità dell'aria attraverso un sistema di questo genere, perché così si opterà per un ambiente molto più sicuro, salubre e, allo stesso tempo, con un intervento che è amico dell'ambiente circostante.

 

 

ALLEGATI: